Approvato il decreto Sostegni bis: sintesi delle principali novità

Studio Buscema e Associati - Catanzaro - News - Approvato il decreto Sostegni bis: sintesi delle principali novità

Approvato ieri 20 maggio 2021 dal Consiglio dei Ministri il c.d. DecretoSostegni Bis che interviene ancora una volta per venire incontro agli effetti derivanti dall’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Sette sono gli ambiti di intervento:

  • sostegno alle imprese, all’economia e abbattimento dei costi fissi;
  • accesso al credito e liquidità delle imprese;
  • tutela della salute;
  • lavoro e politiche sociali;
  • sostegno agli enti territoriali;
  • giovani, scuola e ricerca;
  • cultura,agricoltura e trasporti.

Vediamo in sintesi le principali novità in materia di lavoro e di sostegno alle attività economiche:

Sostegni all’economia

 Sono previsti nuovi contributi a fondo perduto per i soggetti titolari di partita IVA attiva alla data di entrata in vigore del decreto.

Il nuovo meccanismo mira a raggiungere una platea più ampia di beneficiari che hanno subito i danni a causa della pandemia.

In particolare, è previsto:

  • riconoscimento automatico di una somma pari a quella ricevuta con il precedente decreto sostegni;
  • importo legato al calo del fatturato medio mensile, con distinzione tra coloro che hanno già goduto del contributo a fondo perduto previsto dal precedente decreto Sostegni e coloro che non lo hanno percepito;
  • ulteriore riconoscimento a coloro i quali hanno avuto un peggioramento del risultato economico di esercizio, periodo imposta 2020-2019, in misura pari ad una percentuale che sarà successivamente con decreto del MEF.

Ulteriori interventi sono: un ulteriore credito d’imposta per canoni di locazione ed affitto anche d’azienda; esenzione della Tari per gli esercizi commerciali e le attività economiche colpite dalla pandemia; contributo per il pagamento delle bollette elettriche diverse dagli usi domestici; credito d’imposta per le spese di sanificazione degli ambienti, dispositivi di protezione individuale, tamponi.

Introduzione di un Fondo per il sostegno delle attività economiche chiuse.

Proroga al 31 dicembre 2021 della moratoria dei finanziamenti garantiti dallo Stato concessi alle imprese e professionisti.

E’ necessario, a tal fine, che gli interessati facciano richiesta alle banche concedenti entro il 15 giugno 2021.

Prorogata al 30 giugno 2021 la sospensione delle attività dell’Agente della Riscossione.

Lavoro e politiche sociali

In ambito lavoro i nuovi interventi sono volti a condurre il mercato del lavoro verso la ripresa dalla crisi pandemica.

Istituito il contratto di rioccupazione con l’obiettivo di incentivare l’inserimento nel mercato del lavoro dei lavoratori disoccupati.

E’ previsto l’esonero dei contributi previdenziali ed assistenziali nel periodo di inserimento di sei mesi, a condizione che il rapporto di lavoro non venga risolto.

Introdotto l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali datoriali nel settore del turismo, stabilimenti termali e del commercio commisurato alle ore di cassa integrazione dei mesi di gennaio, febbraio e marzo 2021.

Si tenga conto che entrambi gli incentivi sono condizionati all’autorizzazione della commissione europea.

Sono previste quattro ulteriori mensilità per il reddito di emergenza (REM); indennità una tantum per i lavoratori stagionali, del turismo e dello sport; sospensione della progressiva riduzione dell’indennità Naspi.

Il decreto non è stato ancora pubblicato nella gazzetta ufficiale e pertanto non è ancora in vigore.

Studio Buscema e Associati