ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, GLI EFFETTI DA MARZO NELLA BUSTA PAGA

Studio Buscema e Associati - Catanzaro - News - ASSEGNO UNICO UNIVERSALE, GLI EFFETTI DA MARZO NELLA BUSTA PAGA
Gentili Clienti,

facendo seguito alle precedenti newsletter sul tema, riteniamo fare cosa utile ricordare che da marzo 2022 andrà a regime il nuovo Assegno Unico e Universale, che gli aventi diritto potranno richiedere all’INPS.

La prestazione sostituirà diverse prestazioni ed in particolare:

  • gli assegni per il nucleo familiare;
  • le detrazioni fiscali per figli a carico fino a 21 anni di età.
Per i lavoratori dipendenti, pertanto, la percezione degli assegni familiari e le detrazioni fiscali per i figli a carico indicati, potranno continuare ad essere considerati dai datori di lavoro fino alle buste paga del mese di febbraio 2022.

Da marzo 2022, dunque, il netto delle buste paga dei dipendenti interessati subirà una riduzione corrispondente alle suddette voci.

L’assegno unico sarà, infatti, erogato mensilmente direttamente dall’INPS sul conto corrente dei richiedenti, previa istanza presentata all’Istituto.

L’assegno unico sarà modulato sulla base della condizione economica del nucleo familiare (ISEE) tenendo conto anche dell’età dei figli.

La domanda può essere presentata in qualunque momento dell’anno e la loro durata è prevista da marzo a febbraio dell’anno successivo.

Tuttavia, per avere diritto agli arretrati, le domande dovranno essere presentate entro il 30 giugno.

Ieri l’INPS ha diramato la circolare n. 23/2022 con gli ultimi chiarimenti sull’assegno unico a cui rinviamo e che trovate accedendo attraverso questo link:
https://servizi2.inps.it/servizi/CircMessStd/maestro.ashx?idAllegato=13345&flagOriginale=1

Suggeriamo di dare adeguata informazione degli effetti delle novità al fine di evitare disguidi al momento dell’emissione delle buste paga del mese di marzo 2022.

Studio Buscema e Associati