FATTURAZIONE ELETTRONICA, dal 1° gennaio si cambia

Studio Buscema e Associati - Catanzaro - News - FATTURAZIONE ELETTRONICA, dal 1° gennaio si cambia
Occorre l’autofattura elettronica da acquisti in reverse charge.
Dal 2022, scatta il nuovo obbligo di emissione dell’autofattura elettronica, per l’integrazione dell’IVA delle fatture ricevute in regime di inversione contabile cd. reverse charge relative a: subappalti edili, lavori di pulizia e completamento edifici.

Per procedere all’autofatturazione elettronica dal primo di gennaio 2022 occorrerà utilizzare il seguente tipo documento:

• TD16 – per l’integrazione delle fatture reverse-charge relativo agli scambi di beni e servizi tra soggetti IVA nell’ambito dell’appalto e sub-appalto edile, compresi il settore di istallazione idraulica ed elettrica, il settore della pulizia e le cessione dei rottami.
Operativamente, al momento della ricezione della fattura elettronica senza applicazione dell’IVA per effetto del regime di inversione contabile cd. reverse-charge, dovrà essere emessa autofattura elettronica transitando per lo SDI.
La tempistica di emissione delle autofatture segue le normali regole delle fatture elettroniche, ovvero 12 giorni dal ricevimento del documento da integrare.

Appare evidente la necessità di monitorare tempestivamente la ricezione di fatture d’acquisto elettroniche in regime di reverse charge per evitare ritardi nell’assorbimento degli obblighi.

Studio Buscema e Associati